HomeAtenei NordUniv. di FerraraEmergenza climatica | Gli esperti di Unife a Dubai per la COP28

Emergenza climatica | Gli esperti di Unife a Dubai per la COP28

L’Università di Ferrara partecipa con le proprie esperte i propri esperti alla 28esima Conferenza quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), un evento globale di rilievo nel campo del cambiamento climatico e della sostenibilità.

Quest’anno, la COP28 si focalizza su aspetti cruciali come la riduzione delle emissioni di gas serra e lo sviluppo di strategie innovative per contrastare il cambiamento climatico. Tra i partecipanti, quattro membri dell’Università di Ferrara, ciascuno con un importante contributo da offrire in questo ambito cruciale: i docenti Francesco Nicolli, (Dipartimento di Economia e Management), Carmela Vaccaro (Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Prevenzione), Paolo Ciavola (Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra) e la dottoranda Asia Guerreschi (Dipartimento di Studi Umanistici).

Gli obiettivi della COP28

Si tratta di un evento chiave nel calendario internazionale degli sforzi per combattere il cambiamento climatico. La nuova edizione si tiene negli Emirati Arabi Uniti dal 30 novembre al 12 dicembre 2023, evidenziando in questo modo il crescente ruolo delle nazioni produttrici di petrolio nel dibattito sul clima. L’obiettivo è concentrarsi sull’urgente necessità di ridurre le emissioni di gas serra e di sviluppare strategie sostenibili per affrontare gli effetti sempre più tangibili del riscaldamento globale. Uno dei temi principali è il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi, in particolare il mantenimento dell’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto ai livelli pre-industriali. La conferenza offre una piattaforma per le negoziazioni tra i paesi, prevede il coinvolgimento delle aziende e anche la partecipazione della società civile, mirando a catalizzare azioni concrete e collaborazioni innovative per un futuro più sostenibile e resiliente.

Il contributo degli esperti dell’Università di Ferrara

Il Professor Francesco Nicolli, associato del Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Ferrara, si concentrerà sull’analisi econometrica delle politiche ambientali e il cambiamento tecnologico. Con un dottorato in Economia Applicata e un MSc in Economia delle Risorse Ambientali e Naturali dell’Università di Birmingham, il Professor Nicolli porta un approccio analitico e basato sui dati alla discussione.

La Professoressa Carmela Vaccaro, associata del gruppo di ricerca “Georisorse Minerarie e Applicazioni Petrografiche all’Ambiente e al Patrimonio Culturale” dell’Università di Ferrara, offrirà la sua profonda conoscenza in petrologia, geochimica applicata e petrografia. I suoi lavori si concentrano sull’archeometria, la desertificazione nel Mediterraneo e la tracciabilità alimentare, tutti aspetti cruciali per comprendere l’impatto ambientale delle attività umane.

Il Professor Paolo Ciavola, ordinario di Dinamiche Costiere e Geomorfologia di Unife, condividerà la sua expertise in processi costieri, impatto dei cambiamenti climatici sulla morfologia costiera e dinamiche dei delta fluviali. Membro dell’Editorial Board del Journal of Coastal Research e revisore esperto per l’IPCC, il Professor Ciavola porta una prospettiva fondamentale sui rischi costieri legati al cambiamento climatico.

Infine, la Dottoressa Asia Guerreschi, consulente in economia circolare e dottoranda dell’Università di Ferrara, porterà la sua esperienza in strategie innovative di economia circolare e decarbonizzazione. Con una formazione in comunicazione e un Master in Geografia Fisica dal King’s College di Londra, la Dottoressa Guerreschi ha anche fondato l’organizzazione giovanile Rethinking Climate, dedicata alla rivoluzione della comunicazione ambientale.

I rappresentanti dell’Università di Ferrara parteciperanno alle diverse sessioni e panel di discussione alla COP28, con l’obiettivo di condividere con altri partecipanti le proprie conoscenze e promuovere soluzioni innovative per affrontare la crisi climatica. Saranno coinvolti in dialoghi su temi come la transizione energetica, le strategie di adattamento climatico, la sostenibilità ambientale e la conservazione delle risorse naturali.

L’Università di Ferrara è orgogliosa di supportare questi esperti nel loro viaggio alla COP28 e riconosce l’importanza della loro partecipazione in un contesto globale. La loro presenza alla conferenza rappresenta non solo un contributo significativo alla comunità scientifica e alla società nel suo complesso, ma anche un passo avanti verso la realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile e di riduzione delle emissioni di gas serra.

ARTICOLI CORRELATI


Ultime uscite